I progetti di Mario

Condividi questa storia Condividilo su Facebook Condividilo su Twitter

“Oggi le cooperative sociali devono imparare
a essere più impresa. Senza scimmiottare
le imprese profit, ma facendo rete.”

 

La finestra dell’ufficio di Mario incornicia un paesaggio straordinario con le montagne bolzanesi e lo scorrere rassicurante del fiume sottostante. Quello che si dice un bell’ambiente di lavoro. Portare verso standard elevati tutto ciò che riguarda la sfera lavorativa è alla base dell’attività della Cooperativa Promos. Come è possibile – si chiedono Mario e Bruno – integrare una persona svantaggiata se gli si affidano lavori degradanti e poco creativi? Nelle ore trascorse insieme prima del convegno europeo che Mario e soci hanno organizzato sul tema della dignità e del lavoro facciamo conoscenza con lo spirito della cooperazione alla maniera altoatesina.

 

Scopriamo così che in Alto Adige la cooperazione non solo viene favorita, ma anzi incoraggiata sia dalle istituzioni locali che dal Credito Cooperativo che ha istituito uno speciale “conto etico” per chi lavora nel sociale. Scopriamo che la cooperazione può fare integrazione in modo nuovo.

 

Nel 2009 Mario, Barbara, Salvatore e Bruno uniscono le loro competenze per lavorare insieme ad obiettivi comuni. La loro idea di cooperativa sociale vuole uscire da quei pochi ambiti, sempre gli stessi, nei quali le cooperative agiscono.
Per questo Promos è soprattutto un pensatoio, dove le idee nascono con la vocazione a migliorare la qualità della vita della collettività. Le idee poi vengono messe in pratica attraverso orientamento, formazione, consulenza e ricerca.