La Corte di Anna

Condividi questa storia Condividilo su Facebook Condividilo su Twitter

“Il mio ingresso nella gestione dell’azienda
ha portato innovazione, apertura alle novità
e attenzione al contatto diretto con il cliente.”

 

C’è chi decide di cambiare il proprio destino senza poi rimanere deluso. Come Anna, che sognava di diventare magistrato, ma che poi ha scoperto un posto a un passo da Roma e non è più tornata indietro. Una corte immersa nella campagna, ricca di storia, con sale enormi dove immaginare banchetti e allestimenti.

 

Anna ha trasformato l’azienda agricola della sua famiglia semplicemente spalancando le porte della struttura alla possibilità di organizzarvi eventi. Si è appassionata ad un lavoro che mette in gioco la sua creatività e il suo saper relazionarsi ai clienti. Dedica a ciascuno di loro la più completa attenzione e pazienza, sia che si tratti di una sposa che vuole realizzare il suo sogno nuziale, sia l’azienda che ha bisogno di adattare una sala per l’allestimento di una convention. Sono richieste varie, ma Anna ha saputo creare una rete di fornitori affidabili per fare fronte alle esigenze dei suoi ospiti.

 

Ha imparato questo mestiere sul campo, a volte anche commettendo errori.
La sua affidabilità fa funzionare il progetto, e la BCC ha subito creduto in lei. Una bella dimostrazione del fatto che la giovane impresa italiana non è un mondo di soli uomini, tutt’altro. Alle donne la voglia di fare non manca e le idee nemmeno, come ci dimostra Anna che ogni giorno apre le porte della sua Corte con il sorriso.