Il Cda di Sergio

Condividi questa storia Condividilo su Facebook Condividilo su Twitter

“Cosa dice Spiderman? Da grandi poteri derivano
grandi responsabilità… Citazione obbligatoria nel mio caso.”

 

A Concorrezzo, nella Brianza operosa, Sergio è oggi l’amministratore delegato dell’azienda fondata dal padre, la FPZ. Mentre ci mostra i suoi capannoni e ciò che vi produce, ci racconta il non facile percorso che l’ha portato a ricoprire questa carica.

 

Suo padre aveva la capacità innata di catalizzare la fiducia degli altri azionisti, così che, quando purtroppo è venuto a mancare, sono sorte grandi tensioni tra i soci, tali da bloccare la crescita dell’azienda stessa. Sergio non poteva far altro che restare a guardare, dal momento che sul piatto aveva solo l’orgoglio, la quota di azioni ereditata dal padre e il suo lavoro nell’azienda. Era considerato l’ultimo arrivato e questo ha giocato a suo favore perché nessuno si sarebbe aspettato che un trentenne potesse prendere in mano la situazione.

 

Sergio ha trovato nella BCC un partner strategico per realizzare il suo scopo. La BCC infatti ha saputo valutare la situazione, finanziare l’acquisizione e affiancarlo in tutto il percorso che lo ha portato a raggiungere il vertice dell’azienda.

 

Da quando è amministratore, le sue scelte innovative hanno proiettato la FPZ verso il futuro. Il fatturato è aumentato e questo rende Sergio molto orgoglioso, oltre al fatto di avere salvato l’azienda paterna da un lento declino.

 

La sua ricetta anticrisi è innovazione e ricerca continua. È proprio quando l’azienda è in salute, ci dice, che bisogna investire in innovazione, senza che la paura generata dalla crisi blocchi mai questo processo.