La strada di Christian

Condividi questa storia Condividilo su Facebook Condividilo su Twitter

“Se fai quello che ti piace, il lavoro non ti pesa.
Anzi, io mentre lavoro mi diverto proprio.”

 

Dopo aver lavorato in Fiat come impiegato e nell’impiantistica industriale come apprendista, Christian ha intuito che per essere felice non aveva bisogno di grandi cose. Ha capito che desiderava fare un lavoro che gli piacesse, possibilmente non chiuso in un ufficio, e che lavorare in proprio era più adatto al suo carattere. Così si è rivolto alla BCC per accendere un mutuo e avviare la sua attività come autotrasportatore per conto terzi.

 

Christian è un ragazzo con la testa sulle spalle come pochi se ne incontrano. Ha solo 23 anni ma sa bene ciò che vuole. I suoi sono desideri semplici, piccole soddisfazioni guadagnate passo dopo passo. Questo gli basta per essere felice. Anche svegliarsi presto la mattina per guidare un camion di 110 quintali non gli pesa granché, perché ama il suo lavoro. Ciò che più lo appaga è la possibilità di avere orari flessibili e poter gestire il suo tempo da solo. Tutte le sere può tornare a casa e dormire nel suo letto e questo non è poco.

 

Ci tiene molto a sottolineare la differenza tra il suo mestiere e quello del camionista. Lo dimostra con la sua serietà ma anche evitando di decorare il camion con quegli orpelli un po’ folkloristici tipici dei camionisti. Fatta eccezione per un piccolo portafortuna che gli ha regalato sua mamma, che tiene nascosto per scaramanzia.